Migliori prestiti dipendenti pubblici o privati: offerte a confronto

Prestiti dipendenti pubblici e privati: i requisiti

Quali sono i migliori prestiti dipendenti pubblici o privati? Il mercato creditizio è in leggera ripresa ma la situazione rimane ancora negativa per chi richiede un prestito. L’atteggiamento conservativo delle banche è stato esacerbato dalle difficoltà che la crisi ha posto in essere, e nemmeno l’ondata di liquidità innescata dalle politiche monetarie della Bce è servita a scuotere gli istituti.

Ne consegue che l’accesso al credito è difficoltoso anche per chi ha un lavoro dipendente più o meno stabile. Eppure le offerte non mancano: è sufficiente porsi con il giusto approccio al mercato. Quali sono i migliori prestiti dipendenti pubblici o privati? Come si fa ad accedervi?

Migliori prestiti dipendenti pubblici o privati: i requisiti

Il richiedente, a prescindere dalla banca alla quale si rivolge, deve offrire determinate garanzie. Al netto delle specificità dei singoli istituti, sono tre gli elementi sui quali è bene focalizzare l’attenzione.

Il primo è la situazione lavorativa: vengono privilegiati coloro che hanno un contratto a tempo indeterminato, per i precari, anzi, è spesso difficile ottenere anche i prestiti personali. Il secondo è il reddito: è ovvio, più è alto maggiore è la capacità di sostenere il rimborso. Infine, la “fedina finanziaria”: avere alle spalle una storia di buon pagatore è la condizione necessaria e sufficiente per ottenere i migliori prestiti dipendenti pubblici o privati.

Va segnalata, poi, una differenza di approccio in base al prodotto. Se si parla di mutui, che in genere impegnano somme molto importanti e si stagliano su un orizzonte a lungo termine, le garanzie richieste sono numerose. Se invece si parla di prestiti personali, magari online e veloci, la prudenza delle banche – almeno all’apparenza – viene meno, dal momento che le cifre in ballo sono piccole e i periodi di ammortamento molto più brevi.

Migliori prestiti dipendenti pubblici e privati: le offerte

Quali sono i migliori prestiti dipendenti pubblici e privati? L’analisi cambia in base al tipo di prodotto e alle caratteristiche stesse, dunque è necessario operare una scelta di campo prima di procedere con la simulazione. Ipotizziamo un dipendente a tempo indeterminati (statale o meno) di 46 anni, che richiede un prestiti di 20.000 euro da restituire in sei anni. Ecco le migliori offerte:

  • Credito Personale di Rataweb. Il Tan fisso è all’8,60%, il Taeg all’8,99%. La rata è di 371,53 euro. La buona notizia è che non ci sono spese di istruttoria e che i costi iniziali si limitano al bollo di 16 euro. E’ possibile richiedere anche cifre minime, da 1.000 euro in su.
  • Fidiamo di Fiditalia. La rata è di 381,17 euro. Il Tan fisso è dell’8,50%, il Taeg è dell’8,90%. Anche in questo caso non ci sono spese di istruttoria e ci si limita al bollo (sempre 16 euro). E’ possibile gestire tutto per telefono o via internet.

News Prestiti Personali Online 2016

Come rinegoziare un mutuo: guida al credito Come rinegoziare il mutuo: chi ne ha diritto Rinegoziare il mutuo può sembrare difficile, a volte impossibile, eppure è molto può semplice di quanto si possa pensare. A fare muro è il classico atteggiamento delle banche, rigoroso e conservativo. In compenso, però, il contesto normativo dà una grossa mano ai debitori che vorrebbero ridiscutere i termini. Il problema, quindi, è sapere cosa fare, co...
Mutui tasso fisso convenienti: ecco quali sono Oggi i mutui tasso fisso convenienti rappresentano dei punti di riferimento molto importanti per chi vuole accedere al credito immobiliare. Perché scegliere un mutuo a tasso fisso? Perché scegliere dei mutui tasso fisso convenienti? Per il semplice fatto che, grazie alla politica monetaria della BCE, i tassi d’interesse risultano particolarmente bassi. La conseguenza principale è la crescita del...
Banche Online Marzo 2017: Sono sicure? Le banche online sono cresciute negli ultimi anni, proponendosi ai risparmiatori come una formula più comoda, più veloce e più economica. Ad attirare i consumatori sono spesso le spese pari a zero o di poco superiori per la gestione del conto corrente. Vengono fornite carte di credito e di debito con la possibilità di prelevare negli sportelli ATM di altri istituti di credito convenzionate senz...
Prestito vitalizio ipotecario: l’impianto normativo Nella giornata del 2 marzo 2016 è entrato in vigore il prestito vitalizio ipotecario, una formula di accesso al credito riservata agli over 60 proprietari di un immobile sul quale è necessario iscrivere un’ipoteca. Le specifiche in questione sono contenute in un regolamento ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico. Prestito vitalizio ipotecario regolamento: informazioni fondamentali Cosa...
Prestiti da privati italiani: come funzionano e perché sono vantaggiosi Accedere al credito con riferimenti diversi da quelli bancari è oggi importantissimo. Per quale motivo? Per il semplice fatto che non sempre le banche concedono credito in maniera agevole a chi non ha a disposizione sufficienti garanzie. In questi casi è utile fare riferimento ai prestiti da privati italiani. Prestiti da privati: la regolamentazione La legge consente la richiesta e la concession...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: